La Vulnerabilità Ci Rende Forti

crescita personale

“Devi essere forte per mostrarti vulnerabile”

Siamo vulnerabili fin dalla nascita.

Cosa significa per noi? E’ semplicemente una debolezza, oppure può diventare un valore e punto di forza per migliorarci?

Nel video di oggi voglio condividere con te quelle che sono le mie riflessioni sulla vulnerabilità.

La vulnerabilità ci può insegnare cosa è importante per noi, ci può indicare dove possiamo migliorare, ci ricorda che non siamo perfetti e che forse la perfezione non è la strada che dobbiamo percorrere.

Siamo umani e vulnerabili ecco perché siamo forti..

Siamo esposti alla vita

Siamo vulnerabili è un dato di fatto.

Abbiamo scoperto o probabilmente è stato confermato anche in questo ultimo anno quanto possiamo essere vulnerabili dall’esterno o dall’interno.

A parte quello che c’è successo quest’anno, nella vita da quando nasciamo siamo vulnerabili, siamo esposti. Questo nell’arco della vita ci può sembrare un difetto, ci può sembrare qualcosa da nascondere e ci chiudiamo dentro una corazza, ci chiudiamo all’interno di qualcosa che pensiamo nulla possa scalfire.

La vulnerabilità non è un problema ma qualcosa che ci aiuta a crescere e migliorare.

La riflessione di oggi parte proprio da questa parola: vulnerabile. Siamo vulnerabili e ogni volta che la nominiamo probabilmente ci associamo parole negative. Siamo vulnerabili, siamo deboli, siamo fragili, non siamo in grado di resistere a qualcosa.

Insomma tutto ciò che evoca questa parola nella nostra mente sembra che sia qualcosa di non positivo. Ma c’è una parola che ci si può mettere accanto: sensibile.

Siamo sensibili

Se siamo vulnerabili, siamo sensibili.

Siamo sensibili a qualcosa, sensibili a un cambiamento o sensibili a ciò che accade intorno a noi. Come ripeto spesso ciò che accade intorno a noi non è estraneo, siamo immersi dentro il mondo, quindi per forza di cose siamo vulnerabili, perché ciò che accade nel mondo di riflesso poi accade anche a noi.

Allora la vulnerabilità non è solo un difetto non è un problema ma probabilmente è quello che nel mondo ha permesso all’umanità e a noi come persone di evolverci. Proprio perché ci siamo accorti che c’era un problema, proprio perché ci siamo accorti che ci mancava qualcosa e siamo stati sensibili a un qualcosa che ci è accaduto ci ha permesso di ragionare e riflettere sopra e dire: devo migliorare, devo cambiare, ho l’opportunità di poter essere forte rispetto a questa cosa che mi ha reso vulnerabile. Sono probabilmente debole e allora miglioro.

Non è l’essere forte come Superman, non è l’essere incredibilmente potente a farci crescere ma è la vulnerabilità che ci rende forti

Di sicuro ci rende incredibilmente resistenti ma prima dobbiamo capire cosa ci porta ad essere in quel modo. Essere vulnerabilità, avere la sensibilità di accorgersi di qualcosa cambia il punto di vista, fa vedere improvvisamente il mondo in maniera diversa, con occhi vulnerabili.

Quante volte ti è successo?

Ti voglio fare qualche esempio.

Senza andare in giro a cercare qualcosa di particolare, in tutte le storie che raccontiamo e che ci piace leggere c’è l’eroe. C’è la persona che parte da una situazione in cui improvvisamente era vulnerabile, questa situazione ce lo rende umano ci fa vivere insieme a lui la difficoltà che sta passando.

Vediamo che dalla vulnerabilità cresce, poi probabilmente va ancora più in fondo perché è stato ferito ma poi trova le risorse, trova il modo di rialzarsi e diventa la persona che voleva diventare, diventa più forte passando attraverso un dolore, passando attraverso un problema, diventa più forte perché quella vulnerabilità lo ha avvertito anche a volte in maniera molto dura di qualcosa che lo stava colpendo o l’ha colpito.

 Volgendo lo sguardo verso di noi, quante volte siamo stati vulnerabili? Quante volte ci siamo resi sensibili a qualcosa? Questo ci ha colpito, ci ha ferito. Ecco di nuovo le parole negative che ci vengono alla mente ma è stato solo un momento è stato un passaggio, perché Immediatamente dopo abbiamo iniziato a capire cosa dovevamo fare per migliorare, cosa dovevamo fare per tornare ad essere forti come ci sentivamo prima.

 Se c’è una cosa che mi sento di dire sulla vulnerabilità è che ci rende umani. Sì, è questo che conta, ci rende umani. Umani ai nostri occhi, umani agli occhi delle persone che vivono accanto a noi, non siamo alieni, non siamo extraterrestri.

Prima ho nominato Superman, anche Superman ha alla sua vulnerabilità nella kryptonite, ma è quello che lo ha reso umano, è quello che lo rende la persona che ci piace. Non è l’uomo d’acciaio ma è la sua vulnerabilità che lo rende una persona forte e gli fa comprendere gli esseri umani.

Tanto per rimanere sempre nel discorso fumetti nel discorso delle storie raccontate che ci hanno appassionato negli ultimi anni, la Marvel ha creato addirittura un intero universo. Eroi con grandi poteri e grandi problemi, tutti i supereroi sono vulnerabili.

In qualche modo anche nelle storie antiche il grande Achille era vulnerabile, il suo tallone addirittura è diventato un modo di dire. Tutto questo ci ha fatto capire che per quanto puoi essere forte hai sempre un lato che devi difendere, un lato che ti spinge ad essere forte per proteggere quella tua vulnerabilità, quella tua sensibilità.

 Essere vulnerabili è un valore perché ci rende umani.

 A questo punto probabilmente ti stai facendo una domanda, o almeno al me è venuto in mente di farmi questa domanda.

Come Trasformiamo questo valore in una forza? Cos’è che ci fa trasformare la vulnerabilità in quel qualcosa che poi ci trasforma e ci migliora?

Sono tre le cose che mi sono venute in mente.

#1 - Chiedi Aiuto

La prima è la capacità di saper chiedere aiuto.

È chiaro, non è che dobbiamo chiedere aiuto a chiunque ma sentirsi vulnerabili ti fa guardare intorno ti fa chiedere: chi è la persona che può aiutarmi? Cos’è che devo chiedere a qualcuno che possiede e che può trasferirmi per darmi una mano?

Come dicevo prima se siamo umani c’è qualcun altro che ha vissuto quello che stiamo vivendo noi, quindi la sua vulnerabilità lo ha trasformato, allora perché non può fare anche la stessa cosa per me? Cerchiamo la persona che è stata vulnerabile e ha superato quel momento di difficoltà e l’ha trasformato in un punto di forza e chiediamo di aiutarci.

Possiamo alzare la mano e chiediamo aiuto. Possiamo alzare la mano e dire ho bisogno di aiuto! Aiutami tu che hai vissuto questo momento di difficoltà e sei stato vulnerabile, dimmi come hai fatto e aiutami ad uscirne fuori.

Guarda quindi che valore, che potenza che ha questa vulnerabilità. Questo modo di essere sensibili permette di chiedere aiuto e ti fa vedere le persone per quello che hanno passato e per come possono diventare una fonte d’ispirazione per aiutarti.

#2 - Non cercare la perfezione

La vita ti mette davanti un qualcosa che è molto molto importante, ti mette davanti agli occhi l’idea che la perfezione non esiste.

Per quanto possiamo fare o dire o proteggerci nulla è perfetto. Quindi è verso l’imperfezione che dobbiamo guardare, se non siamo perfetti allora abbiamo un’opportunità. Ecco qui di nuovo guardiamo le cose da un lato ottimistico, abbiamo l’opportunità di poter migliorare, abbiamo l’opportunità di poter crescere, abbiamo l’opportunità di scegliere che vogliamo essere, perché se siamo vulnerabili allora possiamo cambiare, modificare le carte in tavola, impegnarci, eccellere e quindi trovare esattamente la persona che vogliamo essere.

 Chiaramente anche quella persona avrà le sue vulnerabilità. Ma sarà in grado di comprenderle, avrà quella sensibilità che continuerà a coltivare per poter migliorare.

#3 - Migliora il tuo dialogo interiore

C’è ancora una di cosa che voglio condividere con te. Essere vulnerabili migliora il nostro dialogo interiore.

 Eh si, è importante parlare a noi stessi nel modo giusto, rivolgersi con parole che non siano cattive, feroci e aggressive proprio perché siamo sensibili e abbiamo capito che la vulnerabilità ci crea quel dolore per cui a volte ci vuole molto tempo per poterlo guarire.

Impariamo a parlarci un modo diverso, impariamo a dialogare con noi stessi, piuttosto che essere giudici e carnefici delle nostre azioni.

Sappiamo che siamo vulnerabili, però sappiamo che possiamo chiedere aiuto. Sappiamo che non siamo perfetti e allora un buon dialogo interiore ci permette di capire probabilmente in anticipo quali sono le nostre aree sensibili, in cosa siamo vulnerabili e poter anticipare quella che potrebbe essere una difficoltà parlando a noi stessi, capire che siamo in un percorso di miglioramento, capire che possiamo fare quella scelta che ti dicevo prima.

Il valore della vulnerabiltà

Quindi la vulnerabilità contiene tanti valori.

E’ chiaro che questi valori che sono contenuti nella vulnerabilità probabilmente si mostrano in una maniera abbastanza forte, improvvisamente ci rendiamo conto che siamo vulnerabili.

Come ti detto in apertura l’abbiamo scoperto a nostre spese più di un anno e mezzo fa, ma quello è una delle tante volte che saremo vulnerabili in qualche cosa, in qualche situazione. Impariamo a capire come trasformarlo in un valore, Impariamo come parlare con noi in modo positivo, come saper alzare la mano e chiedere aiuto, impariamo che questo corpo, questa vita che abbiamo non sono probabilmente perfetti ma sono migliorabili e possono essere portati all’eccellenza.

Article by : Roberto

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.