Come Essere Più Produttivi. 3 Abitudini Per Smettere di Rimandare

come smettere di rimandare

“Rimandare le cose nel tempo, ruba tempo” Edward Young

Come essere produttivi è una delle abilità che cerchiamo di sviluppare per non sprecare il bene più prezioso. Il tempo.

Oggi ho voluto condividere 3 abitudini che mi hanno aiutato a smettere di rimandare e a riappropriarmi di quei preziosi minuti per portare a termine idee e progetti.

Come essere più produttivi?

Questa è una domanda che ci facciamo spesso. Durante lo scorso anno e anche adesso sono riuscito a mettere in pratica tre abitudini che hanno fatto la differenza nella mia produttività, nel produrre tutto quello che sono i video, il mio lavoro e nella mia vita quotidiana.

Quindi sei pronto a scoprire queste tre abitudini? Il tema della produttività e del rimandare, anzi del procrastinare, sicuramente è quello con cui ci andiamo a scontrare ogni volta che si parla di formazione, di crescita personale di miglioramento.

Ci accorgiamo che ci manca qualcosa che abbiamo questa pessima abitudine di procrastinare perché forse cerchiamo la perfezione, O forse è che siamo abituati a dire:

Vabbè la faccio dopo, lo faccio domani, lo farò ma lo farò quando?

 E’ questo il problema. Rimandare a una data invisibile, un periodo invisibile in cui probabilmente sarò nelle giuste condizioni. Ma sarò nelle condizioni ideali per fare cosa? E quali sono le condizioni ideali?

Non ci saranno mai. Avrai sempre un motivo per cui qualcosa non funziona. Questo è capitato anche a me lo scorso anno quando avevo deciso di iniziare a fare i video. La prima cosa con cui mi sono trovato a scontrarmi è stato proprio il rimandare, perché probabilmente ero pieno di impegni.

E allora quando era il momento adatto di fare un video? Forse lunedì, forse sabato, forse rimando, aspetto il momento giusto… Infatti sono partito e poi mi sono fermato. Mi sono fatto vincere dall’idea di rimandare a un momento migliore. Poi ragionandoci però ho trovato l’idea. Una soluzione in tre semplici abitudini che iniziando ad applicarle hanno funzionato non solo nella possibilità di fare molti più video e di essere costante nel pubblicare, ma anche nella quotidianità delle altre cose mi sono reso conto che guadagnavo tempo, quindi diventavo più produttivo.

Tre abitudini produttive

Entriamo nel vivo di questo percorso, scopriamo quali sono queste tre abitudini per smettere di rimandare.

#1 - Spegni le distrazioni

Le distrazioni sono stata la prima cattiva abitudine che ho affrontato. Dovevo spegnerle.

Spegnere non l’ho usata a caso. Il nostro mondo è regolato dai plin plin. Sono i plin che ci distraggono e ci attirano in quel mondo Social virtuale che assorbe la nostra attenzione, che assorbe la nostra quotidianità. Ci facciamo catturare dall’abitudine che ad ogni notifica corriamo per leggere il messaggio, che sia WhatsApp o che sia la notifica di Facebook o di qualsiasi altro tipo di notifica. Diventiamo schiavi, anzi la nostra attenzione diventa schiava di quel suono.

 Ci distraiamo. La maggior parte delle persone cammina a testa curva.

Cosa possiamo fare noi, anzi cosa ho fatto io per cambiare questa cattiva abitudine? Ho fatto la cosa più semplice in assoluto, ho silenziato quelle che erano le notifiche. Può sembrare una abitudine semplice, eppure una volta che l’hai presa non devi più correre a verificare chi ti ha scritto, hai tolto quello che è l’innesco alla partenza dell’abitudine di distrarti.

 Lo spiegavo anche nel video della recensione del libro delle abitudini di James Clear, l’abitudine parte da un innesco e l’innesco alla distrazione è proprio il plin della notifica che ti arriva. Allora l’azione più semplice è quella di silenziare tutte le notifiche e lasciare attive con un suono particolare solo quelle che sono davvero importanti per te.

Il whatsApp della famiglia perché chiaramente se arrivano notizie sulla famiglia vuoi sapere cosa è accaduto, oppure quello del lavoro. Questa abitudine è importantissima ed è la cosa più semplice da fare, silenziare e guadagnare il proprio tempo. Le distrazioni più potenti sono quelli di social, dalla notifica email, Impara a controllare le distrazioni.

#2 - Riduci la lista delle cose importanti da fare

Andiamo a vedere la seconda abitudine che puoi migliorare.

 Parliamo di una abitudine che far parte ormai di chi è nel percorso di crescita e miglioramento personale. Quante volte ti è stato detto:

“Fai una lista delle cose importanti della giornata e vedrai che sarai più produttivo!”

C’è un piccolo problema. La lista per quanto sia valida perché ti tiene collegato a quello che vuoi fare, se diventa un listone infinito di cose da fare si trasforma in un problema. Perché, parliamoci chiaro durante la giornata di tutte le cose che scrivi nella lista quante ne porterai a termine? Quali sono quelle veramente importanti?

Ci hai mai pensato? Nell’arco della giornata sono due massimo tre le cose davvero importanti che puoi fare. Due o tre…Quindi dalla tua lista riduci riduci e togli! Quello che è il contorno, lo vedremo nella prossima abitudine, è solo e di nuovo distrazione, è illusione.

La tua lista delle cose da fare importanti deve contenere due massimo tre, ma proprio essere generosi quattro, delle cose importanti da fare. Sono i pilastri, il grande Domino e una volta che hai fatto quelle a cascata tutto il resto riesci a farlo.

Altrimenti quelle rimarranno lì il giorno dopo, il giorno successivo e te le porterai sempre dietro perché nell’arco della giornata è impossibile riuscire a portare a termine tutto, tutto, tutto quello che metterai in lista. Anzi, cadrai nella trappola della perfezione. Devi essere il perfezionista che ha cinquanta cose da fare: oggi sono impegnatissimo!

Pura illusione…Vediamo fra poco di cosa sto parlando.

Quindi riduci la tua lista. Se lo vuoi fare la sera per il giorno dopo o la mattina appena ti svegli fai la lista delle tre cose più importanti che devi portare a termine durante la giornata. Non andare oltre, questo è importantissimo. Tre cose e le devi saper portare a termine.

E’ la differenza tra chi rimanda e chi veramente è produttivo. Portare a termine quello che deve fare.

 E questo ci porta alla terza abitudine che veramente ti rende produttivo.

#3 - Less is More. Devi fare di meno

Qual è la terza abitudine importantissima che devi mettere in pratica per essere una persona produttiva?

devi fare di meno. Come vedi è strettamente collegato alla precedente abitudine. Ti spiego una cosa, una persona che dice sono impegnato, ho tante cose da fare non è una persona produttiva è una persona che semplicemente sta continuando a distrarsi con mille cose da fare.

 La sua attenzione è spalmata su tante cose da fare, ma sinceramente non riesce a portarne a termine neanche una. Probabilmente qualcosa riesce a finirla ma rimane in una situazione eterna di confusione.

La persona produttiva invece che cosa fa? Scrive tutto quello che è importante, sa esattamente quali sono le priorità e le azioni importanti da portare a termine. Ecco perché agli occhi degli altri può sembrare che una persona produttiva faccia tanto, perché semplicemente porta a termine le due tre cose importanti che ha in lista.

Se sommate insieme il risultato diventa enorme da vedere, sembra che abbia fatto dei miracoli, che abbia non 24 ore ma 48 ore in una giornata. Tutto questo accade semplicemente perché parlano i risultati.

Pensaci.

 Ogni volta che concludi qualcosa hai fatto un passo avanti sei più produttivo perché inizi e finisci qualcosa. Quindi l’abitudine è proprio questa, non crearti una serie di impegni che semplicemente ti portano via attenzione, energia e focus, ma gestisci le poche cose importanti e portale a termine.

Impara a dire di no prima di tutto a te stesso e poi a tutto ciò che c’è intorno a te e ti distrae. Questo è il segreto per diventare una persona altamente produttiva con delle abitudini vincenti.

L'arte di porti la giusta domanda

Una persona che nella sua vita porta risultati adotta queste tre semplici abitudini.

 Detto questo voglio aggiungere un piccolo bonus che appartiene alle persone produttive che hanno delle buone abitudini nel proprio miglioramento personale.

 Per raggiungere quelli che sono i propri obiettivi e realizzare i propri successi devi sviluppare l’arte di porti delle domande giuste.

 A fine giornata prendi l’abitudine di analizzare quello che hai fatto durante il giorno, facendoti una semplice domanda:

Oggi ho fatto tutto ciò che era necessario per poter portare a termine quelle che erano le mie priorità?

Riflettendo bene sulle risposte a questa domanda, il giorno successivo sarai in grado di capire cos’è che ti distrae, cos’è che devi togliere dalla tua vita e cosa che devi mettere in primo piano. Cosa ti renderà soddisfatto, sereno, felice e contento di poter iniziare e portare a termine.

 La domanda è di una semplicità estrema come tutto quanto questo schema che ti ho mostrato oggi. E’ ciò che fa veramente la differenza, che ti trasformerà nel medio e lungo termine in una persona di successo prima di tutto per te stesso, perché ti senti in grado di portare a termine tutto quello che hai deciso di fare.

 Sono quelle piccole poche cose che faranno un’enorme differenza nella tua vita. Non riuscirai a fare tutto, ma farai tanto, quel tanto che ti renderà soddisfatto e felice.

Article by : Roberto

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.