Amici Di Salvataggio di Keith Ferrazzi Recensione e Suggerimenti

amici di salvataggio

“Da soli si va lontano, insieme si arriva ovunque” Io la vedo così

Le relazioni che coltivi sono i pilastri del tuo successo, ma non solo.

Keith Ferrazzi in questo libro ci insegna come gli amici possono essere il salvagente quando ci sentiamo persi.

Nel video di oggi condivido quello che ho imparato da questo libro: Amici di salvataggio.

Il coraggio di chiedere un aiuto. E non pensare che si debba fare solo quando va tutto storto, anzi potresti rimanere stupito da quello che ho imparato.

Il successo e le realzioni

Eccoci al nostro appuntamento mensile con il libro del mese.

Amici di salvataggio di Keith Ferrazzi è un libro che voglio consigliarti con tutto il cuore.

Un libro che ha vari livelli di lettura. Un libro che al primo impatto parla di business, parla di managerialità ma il cuore il contenuto di questo libro è universale e può essere applicato a qualsiasi aspetto della nostra vita.

 Ciò che mi ha colpito subito e che mi ha spinto a condividerlo con gli amici, a consigliarlo a dire guardate ragazzi in questo libro si trova una delle soluzioni più importanti per chiunque voglia migliorare la propria vita. E’ il principio del saper chiedere aiuto.

 E’ l’argomento principe di questo libro, la capacità di chiedere aiuto. Ma andiamo a vedere a chi chiedere aiuto, come chiederlo e perché bisogna chiedere aiuto.

Chiedi aiuto PRIMA di affogare

Una delle cose strane che viene da pensare quando devi chiedere aiuto è perché sei in un momento in cui te la passi male, sei in un guaio, hai un problema, insomma sei in una situazione sfavorevole.

Invece qui il principio è esattamente il contrario. Anche se hai un’azienda avviata, anche se ti sembra di aver raggiunto il massimo, anche se sei in una situazione vantaggiosa, probabilmente è il momento che devi chiedere aiuto.

 Perché in quella situazione avverti qualcosa che non va, probabilmente per poter essere arrivato a quel punto soddisfazione hai sacrificato talmente tanto che senza accorgertene stai perdendo qualcosa.

La capacità di chiedere aiuto non è solo nel momento di difficoltà, ma sempre! n qualsiasi situazione fermarsi un attimo chiedere aiuto è fondamentale.

La Cerchia dei Pari

A questo punto a chi chiedi aiuto? L’aiuto si cerca nella propria cerchia dei pari.

Per quanto tu possa avere intorno a te persone che ami e vuoi bene non è proprio a chiunque che devi chiedere aiuto, ma alla tua cerchia dei pari. Persone che parlano, pensano, ragionano come te, sono come dire al tuo stesso livello e non è una cosa brutta da pensare, non è uno scartare le persone.

Semplicemente qualcuno che ti ama ti direbbe sempre di sì ma non avrebbe quella visione che a te serve, quella visione disincantata non coinvolta a livello emozionale che può guardare la tua vita e dire sì effettivamente il mio aiuto può indicarti questa direzione, devi cambiare questo o fare quest’altro.

Una cerchia di pari, ci dice Keith Ferrazzi può aiutarti a chiedere e ricevere il giusto aiuto.

quindi la prima cosa da fare è individuare chi sono i tuoi pari.

Scopri chi sono quelle persone che oltre chiaramente ad avere un legame con te hanno la forza e la capacità di parlarti chiaro in viso, di dirti le cose come stanno senza ferirti perché non stanno parlando male di te, ma possono avere quella visione di te che in quel momento ti crea difficoltà nelle relazioni, nel lavoro o semplicemente nello sviluppare la tua attività, Il tuo mondo sia lavorativo sia affettivo.

Quattro atteggiamenti fondamentali

Chiedere aiuto è universale. Può essere applicato in tanti modi.

Nel suo libro, Amci di Salvataggio Keith Ferrazzi lo divide in quattro atteggiamenti molto interessanti.

Ed ecco perché prima ti ho detto che ti serve il circolo dei pari, perché in questi quattro atteggiamenti fondamentali trovi il giusto modo di chiedere aiuto e il perché devi chiedere aiuto.

Vediamoli uno ad uno.

La Generosità

Nel momento che chiediamo un aiuto la generosità è la nostra moneta di scambio.

Keith Ferrazzi la chiama la nostra moneta più importante. Se chiediamo aiuto dobbiamo essere anche pronti ad essere generosi con le persone a cui chiediamo aiuto e cui permettiamo di aiutarci.

 E’ un dare e avere. In questo modo si instaura una certa intimità, un legame con il prossimo. Mi mostro vulnerabile in cambio del tuo aiuto, lo vedremo fra poco quanto è importante questo passaggio, per questa mia vulnerabilità che mi aiuterai a superare ho da offrirti quello che ho, la mia forza, i miei talenti ciò che può esserti d’aiuto.

Questo è il primo passaggio velocissimo, giusto per farti capire da dove si parte per chiedere aiuto. Il momento che si chiede qualcosa si è pronti anche a dare qualcosa in cambio.

La Vulnerabilità

 Se c’è qualcosa in questo mondo che probabilmente sta venendo fuori è questa immagine che dobbiamo mostrare.

Essere sempre forti, sempre vincenti, sempre invincibili. Ma non è così, siamo vulnerabili, siamo fragili.

Ho detto anche in un altro video che questa nostra fragilità dobbiamo mostrarla sopra tutto a chi chiediamo aiuto. Non è che dobbiamo per forza far vedere che siamo di vetro ma sicuramente non siamo invincibili abbiamo un momento in cui ci serve qualcuno che possa aiutarci, qualcuno che quando stendiamo la mano la possa raccogliere.

Ferrazzi lo chiama così, il coraggio di essere vulnerabili. Perché poi alla fine se ci pensi, con chi instauri le tue migliori relazioni e le tue amicizie? Con le persone che vedi più affini a te che sono sì forti ma anche deboli. Persone che nella propria intimità ti mostrano chi sono, cosa hanno sia caratterialmente sia come forza personale. Sono forti e deboli.

Siamo tutti fatti così, siamo forti da qualche parte ma siamo anche deboli da qualche altra parte. La nostra vulnerabilità può essere spesso anche un punto di forza, ci rende simili al prossimo ed è per questo motivo che probabilmente abbiamo anche la forza di alzare la mano e dire: mi serve un aiuto. Perché sappiamo che dall’altra parte c’è qualcuno come noi.

La Schiettezza

Come ti dicevo prima, devi trovare qualcuno che sia sincero con te.

Qualcuno che ti vuole talmente bene che il momento che ti muove una critica, non sta criticando te come persona perché vuole farti del male ma perché vede che se togli le maschere, le barriere la situazione in cui probabilmente ti sei nascosto, allora veramente esce la persona che c’è in te, quella bella persona che può portare luce al mondo e a se stesso, a quella persona che trova il suo equilibrio.

 Per fare questo serve la schiettezza. Ci serve qualcuno che ti sappia dire in faccia le cose come stanno ma senza ferirti, semplicemente perché vuole che tu sia te stesso, vuole che esca da te la parte migliore. Quella parte che dall’esterno magari lui riesce a vedere ma tu hai nascosto e sepolto dentro una corazza che in quel momento ti impedisce di essere te stesso a trecento sessanta gradi.

La Responsabilità

L’ultimo passaggio che voglio condividere con te. E’ la responsabilità.

Il momento che sei stato generoso, il momento che ti sei mostrato per quello che sei anche nelle tue fragilità. Il momento che in maniera chiara, cristallina, schietta e sincera, insieme al tuo amico di salvataggio avete analizzato tutto quanto arriva il momento della responsabilità.

Prendersi un impegno con noi stessi lo facciamo tante volte, però è il famoso impegno: inizio domani, inizio lunedì

 Spesso e volentieri questo domani e questo lunedì non arrivano mai. Ci sarà sempre qualche scusa, qualcosa che ti impedirà di responsabilizzarti.

Avere un amico con cui prendere il primo impegno cambia le cose perché ti devi impegnare non solo con te stesso, ma hai dato la parola a qualcuno. Qui ci vuole disciplina. Hai dato la parola non più solo a te stesso ma a qualcun altro. Qualcun altro a cui hai chiesto aiuto, qualcun altro che si è impegnato verso di te qualcun altro che si è preso la responsabilità di esserti accanto, di esserti vicino e di darti una mano a tirarti fuori da quella situazione.

Conclusioni

Questo libro ti spiega anche in profondità come puoi applicare tutto questo nella vita, nel business e in qualsiasi altra cosa.

 Credo però che sia importante questo che volevo condividere con te oggi. Chiudendo il cerchio e parlando di questo libro te lo consiglio caldamente perché ti aiuta ad analizzati e a fare forse la cosa più difficile al mondo, alzare la mano e chiedere aiuto.

Ti consiglio caldamente di metterlo nella tua biblioteca dei libri preferiti, poi se lo hai già letto magari scrivimi nei commenti cosa ne pensi e quali punti e spunti hai trovato interessanti per te.

A proposito di biblioteche, questa è la mia biblioteca del miglioramento, troverai molti libri che potranno aiutarti nel tuo percorso di crescita personale

Article by : Roberto

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.